Perché è importante imparare un’altra lingua in modo fluente

Perché è importante imparare un’altra lingua in modo fluente

Si dice sempre che imparare le lingue è fondamentale. Mi ricordo un trend negli anni ’80 quando ero adolescente: la De Agostini usciva con le sue dispense settimanali in musicassetta per imparare l’inglese. Mio padre non faceva un lavoro per il quale era importante imparare un’altra lingua, ma volle comunque togliersi lo sfizio. Alla fine non imparò granché, quando andavamo in vacanza all’estero gesticolava e provava a farsi capire come tutti. Gli italiani all’estero li riconosci perché sono quelli che parlano poco inglese ma riescono a farsi capire, in un modo o nell’altro.

Il mondo però dagli anni Ottanta è molto cambiato: più connesso, più collegato, più facile da girare anche se la minaccia globale del terrorismo lo ha reso molto più insicuro rispetto ad allora. Va detto che i motivi per imparare un’altra lingua sono sempre rimasti gli stessi, è solo cambiata la ragione. Prima era un’opportunità, ora sembra essere diventata una necessità.

Ovviamente qui si parla di padronanza completa della lingua: chi di voi può dire di padroneggiare in modo corretto un’altra lingua? Non è facile nemmeno con l’inglese, che viene spesso usato come lingua addizionale e che sentiamo spesso per via della debordante cultura americana.

Nell’ambito lavorativo l’inglese o una lingua secondaria sono molto importanti. Pensiamo alla Cina, alle opportunità che questo paese rappresenta. Altri paesi emergenti sono senz’altro l’India, l’Australia e il Sud Africa, per i quali va bene l’inglese. Ma per il Brasile serve il portoghese, per l’America Latina sempre più emergente serve lo spagnolo e in epoca di integrazione non vanno dimenticate le lingue slave. Infine c’è il tedesco, una lingua parlata più o meno da 100 milioni di persone, ma decisamente importante per inserirsi in Germania, un paese simile agli Stati Uniti per modernità e capacità attrattiva.

Imparare una lingua in modo corretto e funzionale dà anche una bella svegliata al cervello. Tutti gli studi concorrono nell’affermare che imparare una lingua, pensare anche con essa aiuta le capacità cognitive del nostro cervello, rallentando i processi di invecchiamento.

Secondo me poi imparare una lingua è fondamentale in questo mondo: pensate alle possibilità sociali offerte dalla possibilità di interagire, capire e farsi comprendere, da persone di un altro paese. Si possono aprire opportunità di amicizia incredibili, inoltre si possono capire un sacco di video su YouTube che tutti trovano divertenti e interessanti, tranne voi che non capite un tubo.